Intervista a Creon, il nuovo tiratore del team QLASH

454

Creon sarà il nuovo tiratore del team QLASH a partire dalla prossima settimana.

Riccardo “Creon” Santarelli è un giovane AD Carry italiano che ha militato nelle file del Team Forge, prima nell’academy e poi nella squadra titolare. Durante la sua carriera ha raggiunto ottimi risultati, tra cui diversi tornei importanti in Italia, ma l’ultimo è stato proprio la prima edizione di Lega Prima, vinto a sfavore degli iDomina.

In occasione del suo ritorno sulla scena – visto il periodo di pausa preso dopo le finali di Lega Prima – abbiamo avuto modo di intervistare Riccardo.

Iulian: Ciao Creon e grazie per l’intervista. Perché non ti presenti alla community italiana di League of Legends prima di cominciare con le domande?

Creon: Non mi presento alla community più che altro perché a me non piace mettermi in mostra, preferisco far parlare i risultati. Per ora non mi reputo un giocatore di altissimo livello quindi per adesso mi sto ancora impegnando a migliorare, quando l’esport inizierà a conoscermi sarà per la mia bravura, non per quanto riesco a dare fiato alla bocca.

Iulian: Sei tornato nella scena competitiva italiana di League of Legends dopo un periodo di riposo, cosa ti ha spinto a tornare e perché hai scelto un team come i QLASH per farlo?

Creon: Non mi sono mai distaccato completamente dalla scena, sono sempre stato ad allenarmi sia singolarmente che in team. Ho scelto i Qlash perché reputo che questa organizzazione ha delle ottime fondamenta e sia i player che lo staff si stanno impegnando veramente tanto per arrivare ai livelli più alti del competitive. Apprezzo molto questa cosa, visto che da sempre metto molta passione e dedizione in quello che faccio.

Iulian: Con i Forge hai avuto un esperienza davvero positiva, vincendo diversi eventi importanti, ma perché non ci racconti come vi siete lasciati?

Creon: Sì, con i Forge ho avuto una buona esperienza, sono cresciuto veramente tanto con loro. Sicuramente vincere nella mia prima LAN è stata una esperienza indimenticabile, non posso negarlo, ma purtroppo le nostre strade si sono divise più che altro perché ultimamente non riuscivo a migliorare oltre un certo punto.
Non tutti i player nel team “academy” riuscivano a dedicare il loro tempo agli allenamenti cosi come lo facevo io e questo mi stava rallentando nella mia crescita, così, dopo una lunga riflessione, ho deciso di andare avanti per la mia strada. Non siamo rimasti in cattivi rapporti, semplicemente ora come ora nessuna delle due parti ha interesse nell’altra per quello che ha da offrire, ma chissà, forse in un futuro potrebbe di nuovo esserci un’intesa.

Creon ha chiuso la stagione in Master Tier

Iulian: Hai seguito il panorama italiano di recente? Quali sono secondo te i team più interessanti al momento?

Creon: Diciamo che ho seguito il panorama da molto lontano, guardando solo poche partite della scena. Comunque so a grandi linee quali saranno le squadre più influenti e temute nei prossimi tornei: sicuramente Forge, è il colosso della scena, la squadra da battere per il primo posto, insieme ad Outplayed che si sono dimostrati sempre avversari di tutto rispetto. A mio parere anche gli Inferno potrebbero dare del filo da torcere a molte squadre, anche se ora hanno ancora molto lavoro da fare. Ah ovviamente non dimentichiamoci del mio team, i QLASH.

Iulian: Quali sono i tuoi obiettivi con i QLASH e come vedi il team al momento rispetto alle squadre rivali?

Creon: I miei obbiettivi con i QLASH in questo momento sono senza ombra di dubbio vincere le più importanti competizioni italiane, visto che ora sembra che la scena inizi decisamente a farsi molto più interessante e complicata rispetto all’anno scorso. Per quelli a lungo termine invece (sempre che riesca a migliorare), anche riuscire a giocare nel panorama europeo e battermi contro squadre importanti. Il team al momento ha le carte in regola per vincere contro qualsiasi squadra in Italia, dobbiamo solo dimostrarlo. Il livello di abilità che ci divide da altre squadre come Forge o Outplayed è veramente minimo e credo che nelle prossime competizioni se ne vedranno delle belle.

Iulian: Un’ultima domanda, stavolta non sull’esport ma sul gioco in sè. Il Meta sta cambiando molto ultimamente, cosa ne pensi di questa preseason e di questi cambiamenti ai tiratori e alle nuove rune? Come stanno influendo sul tuo playstyle?

Creon: Questa preseason mi sta piacendo veramente molto, c’è una varietà vastissima di campioni che possono essere usati , e di tutti i tipi. Le nuove rune danno la possibilità di cambiare drasticamente lo stile di gioco di un champion in base alle scelte della tua squadra e di quella avversaria.
In questo momento penso che i tiratori siano in ottima posizione, ma ancora il meta botlane è particolare perché molte persone ancora stanno giocando hypercarry con il lethal tempo e il support con censer. Secondo me, la vera forza della botlane è il “press the attack“, che sinergizza molto bene tra alcuni campioni tipo Xayah o Kalista e i support aggressivi: questo rende il loro potenziale di snowball molto più alto e distruttivo, inoltre con la rimozione dell’exp aggiuntiva quando sei indietro di livello è molto difficile tornare in partita. 
Riguardo il mio playstyle ho imparato ad adeguarmi a praticamente ogni stile di gioco degli ADC, da quello passivo degli hypercarry a quello aggressivo degli abilitycarry. Il cambio di meta non mi ha dato particolarmente fastidio, il problema che sta toccando tutti in questo momento sono i nuovi danni che ogni campione fa con le nuove rune e per quello può aiutare solo tanta esperienza ma soprattutto TANTE morti con successivo “ma cosa cavolo è successo?” ahahahah.

Infine, un commento da Calyn, Head Coach del team Qlash:

Avere un giocatore con l’esperienza di Creon tra le nostre fila potrebbe portare a un salto di qualità. Stiamo sempre di più intensificando gli allenamenti e tentando di aumentare la qualità del nostro gioco, ma non è un percorso facile. Inoltre l’aggiunta di Creon nel roster ci permetterà innanzitutto di sperimentare situazioni nuove ma non solo, anche tattiche differenti, così da abituare i ragazzi ad essere più versatili sia riguardo la champions pool che riguardo il Macro game.

La redazione de La Gazzetta degli Esports ringrazia Riccardo per la disponibilità e gli auguriamo il meglio per questa nuova avventura, che come accennato inizierà già dalla prossima settimana, il 15/11 contro gli Outplayed in occasione dell’ESL Italian Championship.

Di seguito ecco i social dove seguirlo:

 Creon

  Creon