TCS RECAP – QUARTI DI FINALE

158

Quarti di finale delle TCS, chi otterrà l’opportunità di sfidarsi per un posto nella finale?

PRIMA PARTITA: Team Brickz vs Stream Dream Team

Se da una parte tutti si aspettavano l’arrivo ai quarti di finale del seed numero 1, il Team Brickz, in pochi si aspettavano un successo così schiacciante negli ottavi di finale da parte dei Stream Dream Team. Un colpo di fortuna? Avversari sopravvalutati o effettivamente gli SDT hanno trovato il bandolo della matassa? Sicuramente questi sfida fornirà le giuste risposte a queste domande.

La draft vede i due team comporre due formazioni entrambe con un deciso spike nel mid game, ma senza disdegnare il late game grazie ai pick di Gangplank e Vladimir. Se da una parte il Team Brickz può contare su un migliore poke dall’altra gli SDT con i pick di Jarvan IV, Vladimir e Talyah non dovrebbero faticare ad arrivare a danneggiare dei carry nemici decisamente immobili e non molto protetti.

La partita inizia subito in maniera piuttosto aggresiva e già al minuto 4 Imaqtpie riesce a conquistare il first blood ai danni di un Jurassiq troppo sicuro di sè. Il Team Brickz risponde subito al minuto 6 con una kill su Shipthur grazie ad un bel roam di Winter, che già nei ottavi di finale ha dimostrato di essere un ottimo playmaker. La bot lane del Team Brickz capisce che la loro fase di lane è ormai persa e così al minuto 11 decidono di aiutare il proprio jungler in un invade che porta all’uccisione di Dyrus. Un’esagerazione nel continuare la loro giocata aggressiva porta ad un punitivo TP di Voyboy che genera un tre per uno in favore dei SDT.  A questo punto, conquistato anche il first brick, gli SDT sembrano in assoluto controllo del team avversario che non riesce a stare dietro alle loro rotazioni, ma proprio un rientro in ritardo da una rotazione da parte di Scarra porta alla sua morte e mette nelle tasche del Team Brickz un drago infernale gratuito. Al minuto 18 il Team Brickz sembra aver ottenuto un buon catch su un distratto Imaqtpie, grazie ad un’ottima ultimate di Jurassiq, ma nel giro di pochi secondi tutti gli SDT collassano in difesa del proprio ADC e ribaltano la situazione ottenendo un quattro per zero in loro favore, seguito dalla conquista di due torri mid e dell’inibitore più il vantaggio di 9000 gold. A questo punto la partita sembra segnata, gli SDT conquistano un Nashor incontrastati e iniziano ad assediare la torre dell’inibitore top, ma un Voyboy troppo sicuro si lancia da solo contro 5, gli SDT di dividono tra chi fa l’inibitore e chi tenta di supportare Voyboy, con il risultato di subire un ace, ma solo dopo aver conquistato l’inibitore top e le torri del nexus. Gli SDT si fanno impazienti e vengono più volte presi fuori posizione allungando la partita fino a quando non conquistano il loro secondo Nashor,  e con un ottimo slowplay, degno di ex giocatori delle LCS, riescono a chiudere il game ed approdare alle semifinali.

Azione della partita

MVP: Shipthur

Altra prestazione sopra le righe di Shipthur, anche questa volta tra roaming nell’early game e ultimate che hanno per due volte zoonato gli avversari dal Nashor ha da solo contribuito per un buon 60% alla vittoria dei suoi. Che sia ora di bannargli Talyah?

 

SECONDA PARTITA: No Clue vs R u ready for trance?

Partita che offre un interessante confronto tra due midlaner che saranno entrambi protagonisti degli Scouting Grounds 2017, e due support che durante gli ottavi di finale hanno inciso pesantemente con il loro playmaking.

Che in questa partita ci sia molto equilibrio ne è prova come fino al minuto 12 non succeda assolutamente nulla tranne qualche piccolo trade nelle corsie laterali. Al minuto 12 i RDY, approfittando di un brutto recall della bot nemica, conquista il first brick nella corsia inferiore e ciò dà il via, finalmente, alle danze. Al first brick i No Clue rispondono immediatamente con il first blood conquistato da An Obese Pansa che punisce un Julien troppo lento nel recall. Nell’apparente pace dei primi minuti gli R u ready for trance? non si sono resi conto che si stava generando per loro un enorme problema nella top lane chiamato Renekton, che, lasciato libero di bullare Sion, sia diventato un gigante rispetto al suo avversario, ma non finisce qui: infatti al minuto 15 non si fa troppo problemi nel ribaltare un gank e intascarsi una double kill. Al minuto 21 è di nuovo Dhokla a creare enormi problemi al team nemico grazie ad un suo flank che si tramuta in un tre per zero in favore dei No Clue e nella conquista del Barone Nashor. A questo punto i RDY? si ritrovano a dover fronteggiare da una parte l’opprimente assedio di Azir e Tristana e dall’altra un Renekton inarrestabile. I No Clue, consapevoli dell’impossibilità dei nemici di rispondere, al minuto 23 vanno “dritto per dritto” e divano sotto la torre mid dell’inibitore gli avversari, ottenendo un due per zero sui carry nemici e la distruzione del nexus nemico.

Azione della partita

MVP: Dhokla

É lui a dare il via alle azioni che hanno deciso il game. Prima il flank al minuto 21 che ha permesso ai suoi di ottenere il Nashor e poi il dive nella corsia centrale che ha aperto come una scatoletta di tonno la base nemica.

 

TERZA PARTITA: Team Fence vs Gucci Gang

Si affrontano i campioni in carica ed il team che ha distrutto i sogni di Tarzaned. Livello medio molto alto in questa partita che vede affrontarsi diversi talenti dei prossimi Scouting Grounds e pro in attività.

La draft vede il Team Fence costruire una composizione che deve assolutamente uscire in vantaggio dalla fase di lane e chiudere la partita durante il mid game per non essere outscalata da quella dei Gucci Gank che grazie ai pick di Tristana e Azir nei fight 5vs5 in late game diventano praticamente imbattibili.

La partita inizia subito forte e già al minuto 2 si assite ad un gank e counter gank mid, ma che si conclude con solo tante summoners spese da entrambe le parti. Dopo la fiammata iniziale la partita sembra essersi assestata su ritmi blandi, ma al minuto 9 un lane swap male eseguito da parte dei Gucci Gang si traduce in una serie di evente che vede da una parte il Team Fence conquistare il first brick nella corsia inferiore e un drago infernale mentre dall’altra i Gucci Gang conquistano la tier 1 della corsia superiore e l’Araldo della Landa. La partita ha una nuova fiammata al minuto 15 quando i Gucci Gang puniscono in maniera eccellente un invade del trio OddOJ, Prismal e CallMeWhyin ottenendo un cinque per uno e la tier 1 della corsia centrale. Al minuto 21 la conquista della tier 1 mid da parte del Team Fence sembra scatenare un altro teamfight importante, ma questi riescono a disingaggiare in ottima maniera e il tutto si concluede con un uno per uno. I Gucci Gang giocano in maniera più disinvolta ed un buon flank di MistyStumpey si risolve in due per uno in loro favore e la conquista del Nashor approfittando del recall degli avversari. Il Team Fence si ritrova così sotto di 4000 gold e con il peso di dover difendere contro un buff del Barone Nashor, ma questi riescono a mantenere la loro base intatta e concedono solamente le tier 2 di ogni lane. Lo svantaggio arriva a 7000 gold, ma i Gucci Gang senza il buff del Nashor non riescono ad assediare in maniera efficace i nemici. Al minuto 33 il Team Fence per ottenere visione al Barone Nashor si scopre eccessivamente  ed un TP alle loro spalle di MystyStumpey provoca un teamfight che si conclude in maniera tragica tragica per i campioni in carica delle TCS, che subiscono un ace e l’eliminazione dal torneo dopo 34 minuti di partita.

Azione della partita

MVP: MystyStumpey

La draft questa volta gli consegna un matchup in cui è lui a soffrire, ma appena finisce la fase di corsia con i suoi flank spazza via dal torneo un Team Fence un pò troppo arrogante nella fase di pick e ban.

QUARTA PARTITA: Beans for Dinner vs MLGB

Altro matchup molto interessante tra due formazioni composte da molti talenti di high elo del server nord americano. Riuscirà la migliore organizzazione dei MLGB a contrastare l’accumulo di talenti degli Scouting Grounds dei Beans for Dinner?

La draft vede i Beans for Dinner comporre una formazione da 1/3/1 con un ottimo controllo sugli obiettivi grazie al pick di Kalista e all’influenza globale di Ryze e Shen. Invece gli MLGB optano per una composizione che punta al trovare i propri nemici fuori posizione e neutralizzarli istantaneamente.

La partita inizia in maniera folle con un teamfight 5v5 al minuto 3 scaturito da un tentativo di catch da parte degli BFD su uno Shout fuori posizione. Ne escono vincitori i MLGB grazie ad un roam fulmineo di Blade. Due per zero per loro e double buff nella mani della Syndra di Grae. Dopo un inizio così ci si aspetterebbe molto azione da questa partita, invece non succede gran chè fino al minuto 18 durante il quale gli MLGB perdono il first brick TOP, ma eseguono un ottimo dive BOT che gli permettere di ottenere la tier 1 BOT e due uccisoni per il loro tiratore. I BFD reagiscono in maniera frettolosa e si mettono ad inseguire per metà mappa Grae senza riuscire ad ucciderlo. Però durante questo prolungato chase gli MLGB hanno il tempo sia di conquistare la tier 2 della corsia inferiore sia di correre in aiuto del proprio compagno che con il loro aiuto si rigira e ottiene due uccisioni sugli inseguitori, un disastro per i Beans for Dinner. Gli MLGB ormai hanno raggiunto lo spike della propria composizione e al minuto 21 eseguono un altro dive sulla duo bot nemica (questa volta sotto la t1 top) uccidendoli. A questo punto si rigirano in maniera fulminea sul Barone Nashor senza esitazioni grazie al vantaggio numerico ottenuto, i BFD provano a contestare, ma la perdita istantanea del loro jungler li costringe alla ritirata. Al minuto 25 i Beans For Dinner vedono un Blade apparentemente solo, Allorim più blaberfish2 provano ad ucciderlo, ma questo è in compagnia di un Grae super feedato che con una rotazione di spell uccide entrambi i nemici e dà il via ad un assedio top che si concluderà con un dive e la conquista del nexus nemico al minuto 26.

Azione della partita

MVP: MLGB Grae

Solido per tutta la partita. Rimane sempre in ottima posizione durante tutti i teamfight e distribuisce danni a chiunque entra nel range delle sue abilità.

Si conclude così il recap dei quarti di finale, appuntamento a domani con il recap delle semifinali.

Videogiocatore da oltre 15 anni, prima su WoW, poi su LoL, che scopre con la finale dei Worlds 2014. Da quel giorno nasce il suo interesse per gli Esport, passione che lo ha portato prima a competere in due academy come giocatore e poi qui su queste pagine.