Semifinali di Kespa Cup: Recap

115

I migliori team al mondo ritornano per aggiudicarsi un torneo 100% Made in KR

Come ogni anno, in Corea si sta attualmente svolgendo il torneo organizzato dalla “Korean eSports Association“, ovvero la KeSPA Cup

Questo torneo vede partecipare sia squadre LCK che squadre CK(challenger series coreane), la quali vengono scelte attraverso questi criteri:

  • Ultimi 6 team classificati nella stagione LCK estiva del 2017 (ovvero dal quinto al decimo classificato)
  • Top 6 team classificati nella stagione CK estiva del 2017
  • Top 3 team dei Korea eSports Games

Questi team si sono andati a scontrare in un formato “single-elimination Bo3“, in cui soltanto i top 4 hanno avuto la possibilitá di accedere ai playoff.

Quindi la fase playoff conta solo quattro team? No, ad aggiungersi alle precedenti 15 squadre, con i playoff il torneo vede arrivare i 4 titani della stagione LCK estiva del 2017, ovvero SKTelecom T1, Longzhu Gaming, Samsung Galaxy e KT rolster.

Con questi 4 team a completare, abbiamo dunque una fase di playoff a 8 team, con i quarti di finale conclusi un paio di giorni fa.

Ieri si é disputata l’ ultima delle due semifinali tra SKT e Longzhu Gaming, andiamo a rivedere insieme quelli che sono il primo vero esempio di League of Legends competitivo con il nuovo sistema di rune della patch 7.22

Semifinale #1: KT rolster vs Samsung Galaxy

Questa serie rappresenta il rematch della finale del Gauntlet LCK disputato i primi di settembre. Quella serie aveva in ballo uno spot ai mondiali di ottobre, e i Samsung ne erano usciti vincitori con un sorprendente 3-0 che in pochi pronosticavano. Quegli stessi Samsung poi andarano a vincere il mondiale schiacciando gli SKT 3-0 in finale, ma quella é un’ altra storia.

Game 1

Draft:

La prima draft della serie é subito scandita da un prima fase di ban abbastanza standard. Abbiamo 6 ban che vanno a colpire i Powerpicks della patch come Ezreal ed Ornn, e che allo stesso tempo non risparmiano possibili Flexpicks come Xerath

Il primo pick assoluto da parte dei Samsung é Miss Fortune, uno dei campioni piú preziosi per quanto riguarda il competitivo della preseason, vista la sua forza generale e la sua possibilitá di essere flexata come support di prima categoria. La draft continua e data la presenza di una botlane vulnerabile ad un hard engage, i Samsung durante la seconda ban phase decidono di bannare Alistar e Leona, i due principali playmaker support della patch. Dall’ altra parte vediamo due ban che possono essere considerati “target”, ovvero direzionati a dei giocatori in particolare. Haru (sub jungler dei Samsung) é un noto player aggressivo e Rengar é uno dei suoi campioni migliori. Lo stesso si puó dire del Kennen di Cuvee, che come ci ha dimostrato ai Mondiali sa essere devastante.

Nonostante la comp dei Samsung sia composta da 5 Powerpicks estremamente forti, dalla parte dei KT possiamo vedere un Veigar softcounter ad Azir ed un Taric che con una buona ultimate potrà cancellare il danno di Miss Fortune e Jhin durante i teamfight.

InGame:

I primi minuti della partita vengono immediatamente abusati dalla mid/bot dei Samsung per negare farm e pokare i laner dei KT. Deft decide di optare per uno start di Stivali+4 pozioni, in modo da essere in grado di limitare i danni di Jhin/MF e allo stesso tempo avere piú pozioni per sopravvivere. 

Smeb in top dimostra di saper sfruttare al meglio il suo matchup di Gnar vs Maokai, per slowpushare le prime due wave sotto la torre di Maokai in modo da favorire un rimbalzamento della terza wave di Maokai. Tutto questo va a coordinarsi con il pathing di giungla scelto da Score che al min 4 si trova davanti un Maokai forzato al push, facile preda per un facile primo sangue.

Il game continua e nei seguenti 13 min i Samsung riescono a far valere la loro superioritá in fase di lane attraverso un vantaggio di 3 torri a 1, ma non attraverso il farm che viene facilmente recuperato sia da Deft che da Pawn. Al min 18 i KT riescono a trovare sia un dive sull’ Azir di Crown, che un’ ottima Gnar ult sul Lee di Haru portandosi in vantaggio di gold e diminuendo lo svantaggio in torri conquistate.

Con lo snowball partito da parte dei KT, partono anche i numerosi pick fatti sui membri dei Samsung grazie alla gabbia di Veigar e alla ulti di Varus, i quali riescono a portare il team ad un vantaggio tale da chiudere il game al minuto 28.

WIN: KT

Game 2

Draft:

La prima ban phase di questo game sembra essere molto simile a quella precedente. Ezreal e Ornn continuano ad essere mustban per il lato rosso, ed allo stesso tempo Sejuani-Xerath rimangono tagliati fuori per il loro valore come, rispettivamente, jungler piú consistente e flex pick dal valore immenso. Importante il ban al famoso “redside Varus“, che nel game di prima ha saputo dimostrare la sua forza.

Redside Varus->>

 Fuori da questa ban phase rimane peró Jarvan IV che viene istantaneamente pickato dai KT nella prima rotazione. La draft continua con i Samsung che decidono di pickare il loro ADC, Kalista, prima della seconda ban phase. Questa scelta va ad incidere direttamente sulla scelta dei seguenti ban: MF e Ashe vengono bannati dai Samsung lasciando ai KT la scelta tra Caitlyn e Jhin. A seguire la seconda ban phase, vediamo un Velkoz counterpick ad Azir da parte di Crown: questo pick non solo va influire la mid, ma va anche a minacciare un possibile Jhin di Deft, lasciando quindi ai KT Cait come opzione migliore.

In questo game troviamo la situazione opposta: la comp dei KT é ottima “in a vacuum”, ma vedendo le varie risposte al Jarvan/Shen da parte dei Samsung niente puó essere detto prima del game.

Ingame:

I primi 9 minuti del game vanno come pronosticato dalla draft: ogni laner dei Samsung riesce ad ottenere un vantaggio di farm grazie ai matchup favorevoli, dando al team una leggera edge di oro rispetto ai KT

Il primo sangue avviene al minuto 9:48, quando il Jarvan di Score riesce a trovare Gragas con pochi HP nella giungla nemica, uccidendolo con l’ aiuto della ulti di Shen. Nonostante ció i Samsung rimangono in vantaggio di gold sempre grazie al farm. Al min 13 la prima torre cade in botlane per mano dei Samsung, che riescono ad estendere il vantaggio di gold e successivamente ad assicurare un drago dell’oceano.

Il game continua e nonostante una resistenza da parte dei KT, la superioritá nel controllo di mappa dei Samsung si fa sentire: Kalista é libera di agire grazie alla protezione di Janna, e insieme a Gnar e VelKoz riescono a fare degli importanti pick sui campioni nemici che vanno poi a realizzarsi in un vantaggio di torri ancora piú marcato, nonostante l’ esecuzione non sia perfetta.

Il primo grande teamfight avviene al minuto 19 con un hard engage da parte di Jarvan sul Gragas di Ambition. Ambition risulta peró essere troppo tanky, dando il tempo a Kalista di girarsi su Azir/Shen/Braum e frantumarli in solo, per poi concludere le uccisioni sui restanti due membri e ottenendo quindi un’ “unofficial penta“.

Da qui in poi il game é completamente in discesa per i Samsung che riescono a chiudere al minuto 28, proprio come i KT nel game precedente.

WIN: SSG

Game 3

Draft:

La terza draft si apre con 3 ban super standard da parte dei Samsung, che essendo lato rosso sono forzati a bannare Ornn ed Ezreal, aggiungendo ai due un altro powerpick come Varus. Dall’ altra parte invece andiamo a vedere 2 ban che vanno ad eliminare 2 dei champ con cui i Samsung avevano precedentemente vinto, e infine il solito Xerath.

Entrambi i jungler S tier per il competitive, ovvero Sejuani e Jarvan sono ancora open, e i KT vanno ad aggiudicarsi J4 come primo pick assoluto. Dopo aver eseguito i seguenti pick (con ovviamente Sejuani inclusa), i Samsung vanno ad affrontare una seconda ban phase mirata a Smeb, togliendo dal tavolo sia Rumble che Maokai. I Kt rispondono con i ban di Tahm e Janna, riducendo quindi le possibili opzioni per CoreJJ.

I Samsung sicuri dell’ abilitá di Crown nel matchup, lasciano Azir open ai KT per poi risponere con la famosa Taliyah, uno dei pick piú importanti per Crown. Smeb va invece a rispondere al Jayce di Cuvee con Kennen, mentre CoreJJ sicura Karma.

Ingame:

Questo game é il decisivo per la serie e i KT cominciano subito con un primo sangue su invade livello 1, uccidendo Crown e dando a Pawn un immediato vantaggio nel matchup.

Il resto dell’ early game si svolge invece molto piú lentamente, con entrambi i team che giocano standard lanes, e ovviamente nessuna solokill. La prima vera azione avviene al min 9, quando grazie ad un ottimo dive di Ambition, il Jayce di Cuvee riesce non solo a garantirsi una kill ma anche la prima torre della partita per uno swing di 800 gold netti.

I Samsung premono l’ acceleratore e grazie ad una perfetta ulti di Crown (ed un Deft leggermente fuori posizione) riescono ad assicurarsi la seconda kill al minuto 12 con successivo drago d’acqua al minuto 14. Tramite un’ ottima azione al minuto 18 i KT riescono ad ottenere ben 4 uccisioni, la quali vengono peró bilanciate dal Jayce di Cuvee che continua a macinare torri in toplane.

Il game continua ad andare, e nei seguenti 20 minuti i KT riescono a trovare un’ apertura per un Baron che gli permette di ritornare in partita ed ottenere sia controllo della mappa che un vantaggio di gold di 5k

L’ azione decisiva della partita si trova al min 37, quando il Kennen di Smeb grazie ad un flash-ulti perfetto combinato con Azir ed MF riesce a prendere 3 membri dei Samsung fuori posizione, assicurandogli il push finale e di conseguenza la vittoria.

La serie quindi finisce con la vittoria dei KT che andranno ad affrontare il vincitore tra LZ ed SKT nella finale di Kespa Cup.

WIN: KT.

Semifinale #2: Longzhu Gaming vs SK Telecom T1

Il Rematch della finale degli LCK estivi 2017, la famosa serie che consacrò i Longzhu come miglior team coreano dopo uno split da underdogs. I Longzhu vinsero quella serie per 3-1, dimostrando al mondo che 3 “rookie” + una botlane di massimo livello erano abbastanza per buttare giú quel che rimaneva degli SKT. Andiamo a vedere insieme come si é svolto il match.

Game 1

Draft:

I primi sei ban vengono divisi in due chiare sezioni; se dal lato rosso abbiamo come al solito il ban di 3 powerpicks con estrema prioritá, da parte degli SKT possiamo vedere dei ban piu concentrati sui giocatori dei Longzhu: il Jayce di Khan e Talyah/Azir di BDD sono infatti immediatamente fuori dalla draft.

Gli SKT cominciano la prima rotation di pick con una MF blind; pick estremamente forte data la sua possibilitá di essere flexata support come abbiamo visto precedentemente. I Longzhu rispondono con il pick di Sejuani e Gnar, facendo quindi presagire un sicuro Jarvan per gli SKT e minacciando un possibile tank con la presenza di Gnar.

La seconda parte di ban é caratterizzata da un focus a Faker da parte dei LZ e alla botlane da parte degli SKT. Alistar, Xayah, Orianna e Cassiopeia sono infatti fuori dai giochi. Grazie al pick di Jhin da parte dei LZ, gli SKT sono liberi di formare la famosa botlane Ashe-MF, la quale é capace di realizzare facili kill grazie alla combo di ultimate.

Ingame:

Nonostante il game sembri partire lentamente, intorno al minuto 4 arriva un dive da parte degli SKT sullo Gnar di Khan; purtroppo per loro Peanut é pronto al countergank e i LZ riescono ad assicurarsi il primo sangue.

Il game continua e al minuto 10, grazie ad una gank perfettamente timata da Peanut, i Longzhu si aggiudicano 4 kill per 2, con successiva conquista della prima torre. Il vantaggio comincia ad accumularsi. I LZ continuano a spingere lo snowball, portandosi sempre piú avanti con il passare del game. Al minuto 16 lo score é di 12 a 4 ed i Longzhu sono 5000 gold in vantaggio

Dopo aver conquistato 3 torri e 2 draghi infernali, al minuto 23 i LZ catturano il Barone che segnerá la loro vittoria. Con lo scoccare del minuto 29 il game infatti finisce ed i Longzhu si aggiudicano la prima vittoria della serie.

WIN: LZ

Game 2

Draft:

Redside dejavu: Ornn, Ezreal sembrano ormai permaban status per questa patch, e ad aggiungersi arriva Jayce, target ban per Khan. Dal lato blu invece abbiamo il solito ban di Xerath, a cui vanno ad unirsi Sejuani e Ryze, due dei pick precedenti nella vittoria dei Longzhu.

Azir rimane open e i LZ decidono di accaparrarselo istantamente con il loro first pick, gli SKT rispondono con la tanto ambita MF e Gnar, uno dei blindpick piú forti per la toplane al momento.

Nella seconda ban phase gli SKT vanno a colpire il Kennen di Khan e l’Alistar (bannato anche game 1) di Gorilla. I Longzhu dedicano la loro attenzione a togliere Leona, e Vel koz, uno dei counter di Azir.

Curioso il pick di GP da parte di Khan, che va a prendersi quello che viene considerato un matchup non troppo facile contro Gnar.

Ingame:

L’ inizio di questo game pecca di azione nei primi minuti di gioco, ma al minuto cinque possiamo assistere ad un Peanut che muore contro i golems con Jarvan

Il game é impostato molto bene dai Longzhu che grazie ad una buona azione di Khan al minuto 14 riescono a portarsi in vantaggio di torri sugli SKT

Nonostante il rallentamento della partita dopo la conquista delle sopracitate torri, i Longzhu riescono ad avvantaggiarsi con una perfetta chiamata al Baron seguita da due uccisioni intorno al minuto 28. Esattamente come in game 1, il Baron permette ai Longzhu di assediare la base nemica con successo e chiudere la serie 5 minuti dopo.

I Longzhu riescono quindi a ripetere il loro successo contro gli SKT e ad aggiudicarsi la finale contro i KT.

WIN: LZ

Appassionato di League of Legends dal 2014 dopo una vita passata su console. Accecato dall' innovazione. Forse troppo.