Reginald racconta a Gafford i TSM passati e futuri

135

Reginald parla dei retroscena della stagione conclusa e delle sue aspettative per la prossima

Durante la scorsa settimana il proprietario del Team Solo Mid, Andy “Reginald” Dinh ha rilasciato una lunga intervista al giornalista Travis Gafford in cui ha parlato di alcuni argomenti riguardanti la propria squadra.

Franchise

Alla domanda riguardante una eventuale paura di essere rifiutati durante il processo di selezione delle squadre per il franchise delle NA LCS, Reginald ha risposto di non aver avuto mai nessun dubbio di far parte della nuova era del campionato nord americano e si è detto stupito del mancato accesso di alcune importanti realtà del panorama. Inoltre non si attende fin da subito grandi cose dai nuovi team a causa di un necessario periodo di adattamento e di un vantaggio competitivo accumulato dagli altri team già presenti nella scena; ma non esclude sorprese nelle singole partite dovute al ritorno del formato BO1 e alle necessità di assestarsi da parte di tutti i team durante lo Spring Split.

Infine risponde all’accusa di una perdita d’identità da parte del team, sempre più composto da giocatori e staff non provenienti dal nord america. Reginald ricorda come TSM sia un brand globale e che l’appartenenza al campionato NA sia solo una formalità dovuta alla necessità di qualificarsi per i mondiali e che allo stesso tempo vogliono raccogliere fan da tutto il mondo. Inoltre ricorda la difficoltà nella creazione di nuovi talenti da parte della soloq NA affermando che, in media, il Nord America dispone di un bacino, in cui pescare i giocatori, grande un terzo rispetto le squadre Europee o Coreane.

Andy “Reginald” Dinh e Travis Gafford durante l’intervista

Formazione del Roster

I mondiali della stagione 2017 hanno nuovamente portato solo delusioni in casa TSM e ciò non poteva che portare ad inevitabili cambiamenti in un roster che, per due anni consecutivi, ha fallito nel proprio obiettivo di raggiungere i quarti di finale. Andy Dinh spiega accuratamente qual’è stato il motivo di questo fallimento e quindi cosa era necessario modificare. Noi, dice, avevamo un roster con cinque giocatori tutti molto dotati e che sia in NA, che a livello internazionale, possono essere considerati al top, ma ai mondiali la differenza tra una squadra che avanza ed una che esce stà nella comunicazione all’interno di questa. Le nostre corsie fornivano le giuste informazioni, ma queste non venivano elaborate correttamente dal duo Svenskeren Biofrost, che si è dimostrato incompatibile per tutta la stagione nonostante i tentativi di ripare questo disguido. Purtroppo, prosegue, entrambi sono ottimi giocatori meccanici, ma non degli shotcaller e per questo già da tempo sapevamo che avremmo avuto bisogno di inserire una nuova figura nel ruolo o di Support o di Jungler per la stagione 2018.

La scelta è ricaduta su Mithy come shotcaller dal ruolo di Support e, per la giungla, su di un diamante grezzo come MikeYeung da far crescere sotto la guida dello spagnolo. In conclusione parla pure di Doublelift definendosi dispiaciuto di aver dovuto dare l’addio al proprio ADC, ma che era necessario, per il bene del team, affidarsi alla stabilità della coppia Zven Mithy piuttosto che rischiare una possibile incompatibilità tra Doublelift ed il nuovo Support.

Il nuovo shotcaller dei TSM, Mithy

Previsioni per la prossima stagione

Infine non potevano mancare le previsioni per la prossima stagione. Ovviamente Reginald si dice sicuro di poter riconquistare il titolo di campioni delle NA LCS e indica come propri avversari CLG, C9 e Team Liquid; con una piccola punta di ironia per i Team Liquid che, a suo dire, con quello che hanno speso, non possono permettersi di non arrivare almeno tra le prime quattro «d’altronde Steve (il proprietario del Team Liquid) ha comprato pure due macchine a me».

Videogiocatore da oltre 15 anni, prima su WoW, poi su LoL, che scopre con la finale dei Worlds 2014. Da quel giorno nasce il suo interesse per gli Esport, passione che lo ha portato prima a competere in due academy come giocatore e poi qui su queste pagine.