Professionista del settore: la Esport Experience

458

Games Kingdom lancia i primi corsi certificati per la formazione delle figure professionali degli Esport in Italia

Il settore Esport sta economicamente diventando sempre più forte e robusto: basta guardare le iniziative dedicate che ogni anno attraggono milioni di visitatori, o le visualizzazioni dei giochi direttamente su piattaforme come Twitch, i cui streamer sono sempre più seguiti dal pubblico. 

Allo stesso tempo però, vi sono delle note criticità nella struttura del settore: soprattutto in Italia, è complicato creare una infrastruttura che possa reggere il confronto con le altre realtà europee e del mondo, e da questa una community in grado di essere affezionata agli Esport e al settore competitivo, come avevamo scritto qualche tempo fa.

Per questo, l’annuncio di Games Kingdom si pone come un modo nuovo di dare lustro (e vigore) al mondo dell’Esport.

La Esport Experience

Con il comunicato dalla loro pagina ufficiale (che potete trovare in fondo all’articolo), Games Kingdom vuole fare le cose in grande: si discosta dalla formazione ai giocatori, proponendo dei corsi specifici per le figure che si pongono accanto ad essi, coloro che sono responsabili indirettamente dei risultati del team, ma non per questo meno importanti.

I corsi che Games Kingdom ha intenzione di attivare sono pensati per:

  • Coach: che si interessa dello sviluppo di programmi di allenamento, e ha spiccate doti di problem solving per venire incontro alle necessità di gioco del team
  • Team Manager: responsabile della gestione, della logistica e dell’organizzazione del Team, un dirigente in grado di gestire i bisogni pratici della squadra
  • Mental Trainer: Preparatore mentale atto ad allenare la mente per permetterle di superare la tensione e l’ansia da prestazione agonistica
  • Analyst: colui che crea gli strumenti di preparazione del coach, potendo rilevare i dati riguardanti partite, avversari e componenti del team

Tutti questi corsi sono attivati in collaborazione con ASI e GEC, e vogliono essere un primo importante passo nella creazione di un settore con personalità note e appositamente formate, in modo che chi si raffronta con esso possa trovarsi ad avere a che fare con veri e propri professionisti.

Il futuro del settore

Il futuro che Games Kingdom ha previsto per il settore prevede quindi dei diplomi a valenza nazionale, e l’iscrizione ad un apposito albo di tutte le figure professionali formate. Una mossa che potrebbe essere il primo grande passo verso la legittimazione degli Esport come un vero e proprio lavoro. A quanto trapela dal comunicato, ci sarebbero già le trattative per internazionalizzare la validità dei certificati, e auspichiamo che possa essere così, da permettere un riconoscimento anche estero.

Nei prossimi giorni il quadro dovrebbe farsi più chiaro, dato che sono state promesse novità in questi giorni. Al momento, vi consigliamo di visitare il sito ufficiale di Games Kingdom, attraverso il quale è già possibile iscriversi alla mailing list.

Vi lasciamo come promesso al comunicato diramato dalla pagina Facebook di Games Kingdom, restate connessi!

i Primi Corsi Qualificanti per le Figure Professionali dell'Es…

Il primo Video, tra l'imbarazzo e le difficoltà di montaggio dovevamo proprio comunicarvelo in questo modo.Uno dei riconoscimenti più importanti, non solo per noi, ma per lo Sport Elettronico italiano.La Certificazione su scala Nazionale delle Figure Professionali dell'Esport. Tesserino Tecnico, Diploma Nazionale ed iscrizione all'Albo di riferimento. ASI Nazionale GEC – Giochi Elettronici Competitivi ASI Comitato Provinciale di Bergamo Deugemo Pedriny – The Esport Maestro La Gazzetta degli Esports TGM esports Outplayed.it Player.it Everyeye.it Multiplayer.it Powned.it Iulm Università

Posted by Games Kingdom on Thursday, December 14, 2017

Giocatore di League of Legends dalla Season 3, si interessa da subito alla architettura sulla quale poggia il concetto stesso di "Gioco". Numeri, statistiche e performance sono gli strumenti che vuole utilizzare per raccontare al grande pubblico come funzionano i giochi che li appassiona.