Lezioni di Jungler con Chuckissimo: scalare il low-elo!

510

L’episodio di oggi tratterà uno degli argomenti più diffusi e discussi da tutti: come si può uscire da bronze/silver? La soluzione che vi forniamo oggi sono gli scalatori del low elo!

La puntata di oggi è un po’ speciale, non andremo ad analizzare specifici campioni che al momento sono forti nel meta(anche se uno dei due lo è), ma parleremo di campioni che non richiedono una grande abilità, nonostante siano parecchio efficaci per salire di elo facilmente, sopratutto nelle leghe più basse. Iniziamo con Udyr!

Udyr, perché giocarlo?

In elo basso, la strategia più efficace per vincere facilmente è utilizzare i power-farmer con alti danni di base, ossia quei campioni che sono in grado di pulire facilmente la jungle e con ingenti danni nel loro kit. Grazie al buff ricevuto nella patch 7.22 all’attacco base aumentato da 58.29 a 66, e all’armatura aumenta da 25.47 a 34, ora i danni di base di Udyr e la sua resistenza gli permettono di pulire la jungle con una facilità immensa, molto avvantaggiato anche dall’utilizzo di Press The Attack, il quale lo porterà a giocare la sua forma Tigre, consentendogli di distruggere i nemici che incontra e allo stesso tempo avere un ottima capacità di farm. Inoltre, può prendere obbiettivi come draghi e torri con totale scioltezza.

Precisione e Determinazione

Come nel caso di Xin Zhao anche con Udyr non poteva assolutamente mancare la scelta di utilizzare Press The Attack, una strategia eccellente con la sua forma Tigre, come abbiamo già detto sopra. Il ramo secondario di Dominazione è eccellente per avere un ottimo sustain e danni aggiuntivi. Vediamo quindi di analizzare meglio queste rune. 

Precisione

Press The Attack: l’ottima velocità d’attacco di Udyr Tigre consente di utilizzare a pieno il potenziale di questa runa, conferendogli danni a single target davvero eccellenti.

 

Triumph: come per i precedenti jungler che abbiamo trattato, questa runa rimane la migliore per effettuare eventuali dive, salvarsi da Ignite o semplicemente per recuperare un po’ di vita in seguito ad un’uccisione.

 

Legend: Alacrity: fornisce velocità di attacco, molto utile per la pulizia della jungle e al suo kit in generale.

 

 Coup De Grace: dato che uno dei suoi obbiettivi è uccidere velocemente un target, non c’è runa migliore di questa per finirli quando la loro vita è sotto il 40%.

 

Determinazione

Ravenous Hunter: il rubavita fornito da questa runa funziona a perfezione con la sua forma Tigre, consentendogli anche di sopravvivere a trade prolungati.

 

Cheap Shot: in combinazione con la sua E-Posizione dell’orso o semplicemente il red buff, il danno extra viene facilmente applicato dallo Stun, ricordando che si parla di ben 12-30 danni puri bonus, dipendentemente dal livello.

 

Ordine Max Spell

Q-W-E nel caso lo si giochi con il Press The Attack, e la R non verrà mai presa fino alla fine, giocando solo di burst di Q. Una piccola nota che non molti sanno, è che la Q ha una certa durata d’effetto, dunque può essere applicata doppiamente, se Udyr colpisce un campione dopo 3 secondi dall’attivazione. Inoltre, data la durata aumentata della W, anch’essa si può sovrapporre per ottenere il doppio dello scudo

Debolezze

Udyr soffre parecchio da chi lo può kitare, un eventuale W-Deperimento di Nasus può annientarlo, una W-Metamorfosi di Lulu può causargli fastidio e anche Janna è tra i tuoi nemici più temibili. 

Punti di forza

Eccelle negli 1vs1, ha degli ottimi powerspike a livello di danni, ed è in grado sia di prendere obbiettivi come draghi e baron, sia di splitpushare facilmente. Inoltre è abbastanza resistente da tankare e possiede un grande quantitativo di danni. Può essere anche in grado di battere un Xin Zhao negli 1vs1, sorprendentemente.

Matchup

È in grado di vincere quasi qualsiasi 1vs1, gli unici campioni che gli danno fastidio sono Rammus, Elise, Warwick e Sejuani post livello 6.

Build

Partirà con l’Hunter’s Machete, per poi chiudere l’oggetto da jungler rosso, con la gemma del danno fisico. Successivamente alla Trinity Force, il terzo oggetto è situazionale, scegliendo tra una Blade Of The Ruined King, nel caso stia andando bene il game e sia contro dei tank, oppure una Titanic Hydra per il wave clear, per poi finire full tank.

Le scarpe sono anch’esse situazionali, sceglierà di comprare una di queste tre dipendentemente dal team avversario. Non conviene prendere i Boots of Mobility, essendo facilmente kitabile

Inoltre si può prendere in considerazione di comprare eventualmente un Dead Man’s Plate, per la velocità di movimento extra, oppure un Zz’rot Portal per lo splitpush.

Playstile di Udyr

Udyr può tranquillamente iniziare il giro della jungle al buff nemico, sapendo che l’avversario inizierà solitamente dove verrà aiutato dalla bot lane, rubandogli quindi il buff opposto a dove sarà. In questo modo partirà con un vantaggio per lui, rubando esperienza al suo avversario. Raramente è possibile gankare a livello 2, per il semplice motivo che si tende a preferire un powerfarm di tutta la jungle, per poi essere livelli sopra il suo avversario. Counter-gankare non è un problema per Udyr, grazie al danno e all’alta mobilità. Unica pecca? Non ha alcun tipo di dash, dunque nessun errore è ammesso. Possiede dei gank semplici, ma potenti, i quali riescono ad assicurarti un flash o un’uccisione sull’avversario. Nella fase centrale della partita è una lotta agli obbiettivi: cercherà di assicurarsi molti draghi e torri, grazie alla sua abilità nello splitpush. Purtroppo non è in grado di forzare un teamfight, piuttosto si preferisce mettere pressione nelle side lane

Shyvana, perché giocarla?Shyvana è il secondo campione che andremo a trattare, per un semplice motivo: il cambiamento dell’esperienza in jungle. Precedentemente, nonostante farmasse molti campi, bastava un semplice assist di un avversario per fargli riprendere i livelli di differenza che aveva accumulato, mentre adesso la situazione è che i livelli che Shyvana riesce ad assicurarsi con il powerfarm, non vengono recuperati così facilmente. Semplicemente è un campione opprimente, in grado di mettere molta pressione, un po’ come abbiamo detto prima con Udyr, tramite splitpush e obbiettivi, e con una capacità di farm incredibile. 

Precisione e Determinazione

Per Shyvana vale lo stesso identico discorso delle rune di Udyr, sono due campioni con un playstile molto simile, i quali sfruttano al massimo il loro potenziale grazie all’utilizzo di Press The Attack. Si potrebbe optare per Sudden Impact invece di Cheap Shot, ma quest’ultimo è caldamente consigliato e dato che l’unico dash di Shyvana è semplicemente la sua Ultimate, il gioco non vale la candela. 

Ordine Max Spell

W-E-Q è l’ordine con cui maxerà le sue abilità, mentre lo start sarà variabile. Sicuramente la prima abilità da sbloccare sarà la W, per poi passare alla E o alla Q: si prenderà la Q in caso si volesse uccidere i raptor come secondo campo, altrimenti opterà per sbloccare la sua E, per amplificare il danno degli auto-attacchi con la W

Debolezze

Shyvana ha un gank davvero debole prima del livello 6, avendo zero Crowd Control. Anche lei è facilmente kitabile, come detto in precedenza per Udyr.

Punti di Forza

Ha un powerfarming inarrestabile, ottimi danni in 1vs1, e tende facilmente a guadagnare livelli di vantaggio sull’avversario. Inoltre è in grado di svolgere parecchi ruoli: splitpushare, giocare un teamfight, ed è in grado di prendere facilmente obbiettivi da sola.

Matchup

Shyvana è debole contro gli assassini se il suo team non sta vincendo, dato che un assassino feedato è in grado di entrare in jungle e ucciderla. Eccelle contro qualsiasi tank, vincendo qualunque 1vs1.

Build

Prenderà l’oggetto da jungle rosso che le conferisce velocità d’attacco, seguito da Frozen Mallet, con poi Tiamat, qualche oggetto da tank e infine chiudendo la Titanic HydraPer quanto riguarda le scarpe, la scelta è sempre tra ninja tabi e mercury, a seconda del team avversario.

Playstile di Shyvana

Shyvana deve tenere a mente solo tre regole durante la fase iniziale della partita: powefarm, powerfarm e ancora powerfarm. Successivamente potrà concentrarsi sullo splitpush, obbiettivi e teamfight, anche se non riuscirà facilmente ad iniziarlo. Non potrà assolutamente andare dritto per dritto ed aspettare che il team nemico le vada addosso, ma dovrà bensì aspettare un engage oppure flankare gli avversari. 

Ringraziamo molto Chuckissimo per la sua collaborazione, vi lasciamo inoltre i precedenti tre episodi, nei quali trattiamo più nello specifico il meta attuale!

Giocatore di varie tipologie di giochi sin da piccolo, si interessa da qualche anno al mondo degli e-sports. Ama la programmazione, e con la sua tendenza ad argomentare, cercherà di fornire informazioni dettagliate ed interessanti, che possano avvicinare più persone possibili a questo mondo.