Recap IV giornata Lega Prima (parte 1)

32

Qlash smarriti. Inferno, eppur si muove…. la classifica!

Team Qlash Academy vs iDomina Esports

Game 1

Draft game 1 Team Qlash Academy vs iDomina Esports

Draft

I Qlash approcciano questa prima partita puntando su una team comp da late game teamfight, grazie ai pick di Orianna e Vayne, coadiuvati da una grossa front line, unita ad un support esclusivamente difensivo come Janna. Gli iDomina Esports rispondono con un draft più da snowball. Con i pick di Zoe, Kindred ed Ezrael, è chiaro l’intento di questi di creare un grosso vantaggio di gold in early game, grazie ad azioni aggressive supportate dalla suprema di Shen, e chiudere la partita prima che i carry nemici diventino troppo forti.

Partita

Nei primi venti minuti la partita non sembra andare come gli iDomina vorrebbero: ottengono due draghi della terra, ma non riescono a creare un vantaggio di gold significativo. Corrono in loro soccorso i Qlash al minuto 21 quando, grazie ad un loro maldestro tentativo di difendere la tier 2 della corsia inferiore, subiscono un 2 per 0 che li vede costretti a condere l’inbhitor di questa corsia. E’ l’inizio dello snowball tanto atteso dagli iDomina, ma che non porterà ad una chiusura breve del match.
Sarà infine la Zoe di Tsuzume ad eliminare instantaneamente la Vayne di Creon andando a sbloccare definitivamente la situazione dopo una serie di schermaglie quasi tutte in favore degli iDomina. Quest’ultimi infatti riescono così a vincere il game e a portarsi in vantaggio per 1-0 nella serie dopo 36 minuti.

Game 2

Draft Game 2 Team Qlash Academy vs iDomina Esports

Draft

Entrambe le squadre sembrano convinte del proprio approccio alla sfida, e ripropongono la stessa filosofia di comp, cambiando, ovviamente, dei pick. Gli iDomina si affidano nuovamente ad una composizione bulla nelle prime fasi, ma con comunque ottimo assedio e late game. Mentre, i Qlash, ripropongono un classico 4/1/0, molto forte in late game, ma con Mush questa volta su un pick più aggressivo, e da splitpush, come Fiora.

Partita

Sebbene la durata sia stata simile a quella del game 1, 31 minuti, questa volta gli iDomina hanno tenuto fede al loro nome, e alla propria condizione di vittoria, grazie anche a dei grossi errori, o orrori, di Creon in fase di corsia. Così al minuto 18 erano già alle porte della base nemica. Poco da fare per i Qlash, che tentano di difendersi, ma lo svantaggio è troppo grande, e quando gli iDomina riescono a mettere le mani sul Nashor la partita si chiude definitivamente.

Giudizi Finali

I Qlash ancora una volta pagano delle disattenzioni individuali, e perdono sia la partita, sia terreno dalle prime posizioni. Gli iDomina, invece, sono entrati in questa doppia sfida con il piglio giusto, e hanno quasi sempre rispettato la propria condizione di vittoria. Se smettono di concedere qualche distrazione di troppo agli avversari, potrebbero diventare dei seri concorrenti alla vittoria finale.

MVP: Tsuzume

Nella seconda partita non fa niente di speciale, ma, nella prima, il suo oneshot della Vayne di Creon permette la conclusione di una partita che si stava prolungando, pericolosamente, per il proprio team.

Inferno Esports vs Racoon

Game 1

Draft Game 1 Inferno Esport vs Racoon

Draft

Composizioni quasi speculari quelle di Inferno e Racoon. Entrambe con due carry molto forti in scenari di late game, support prettamente difensivi e dei top laner da splitpush. L’unica differenza evidente è quella di avere, da parte degli Inferno, dei chiari tool per ingaggiare, cosa che manca alla composizione dei Racoon.

Partita

La partita parte in maniera un pò confusionaria, con schermaglie e roam continui da parte di chiunque, in qualsiasi zona della mappa. Alla fine ne escono vincitori gli Inferno che, a 19 minuti, possono contare su un vantaggio di 7000 gold. Al minuto 22 diviene decisiva la possibilità di forzare da parte della composizione degli Inferno, che uccidono jungler e mid laner avversari, conquistando così il Barone Nashor. Da qui partono vari assedi che permetteranno agli Inferno di chiudere la partita in 28 minuti. 1-0 per loro.

Game 2

Draft Game 2 Inferno Esport vs Racoon

Draft

Fase di draft che vede, nuovamente, entrambe le squadre puntare a scenari di late game. Questa volta, però, a detenere i tool proattivi migliori sono i Racoon, grazie a Sejuani, Maokai e Taliyah. Mentre gli Inferno, optano per cercare di evitare grosse situazioni da teamfight, creando una composizione 1/3/1 con ali Ryze e Shen, e inserendo, nel trio centrale, due campioni con buon disengage come Xayah e Braum.

Game

Partita che parte più tranquilla rispetto la prima, ma anche questa volta escono vincitori dall’early game gli Inferno, o quasi. Infatti, sebbene accumulino qualche gold di vantaggio, sbagliano nel lasciare respirare la Vayne di Raito che, appena chiuderà due oggetti, inizierà a dettare legge. Così, quella che sembrava una partita in mano agli Inferno, gli sfugge di mano, e termina, al minuto 44, con l’ennesimo pareggio per i Racoon.

Giudizi Finali

Gli Inferno, nel game 1, sembravano aver fatto progressi, non gettando il vantaggio accumulato nelle fasi iniziale, ma nel game 2 si sono rivisti quelli delle prime tre giornate. I Racoon, per l’ennesima volta, giocano una solo partita di due ad alti livelli. Se trovano continuità di rendimento potrebbero diventare la sorpresa del torneo.

MVP: Raito

Quando i Racoon vincono, Raito lascia il segno. Esce indenne dalla fase di lane, addirittura accumulando anche qualche kill, e nel mid/late game, conscio dei propri mezzi, distrugge uno a uno i campioni nemici concedendo poco e niente.

La quarta giornata di Lega Prima continua stasera, sempre sul canale di GEC. Il programma completo lo trovate in questo articolo.

Videogiocatore da oltre 15 anni, prima su WoW, poi su LoL, che scopre con la finale dei Worlds 2014. Da quel giorno nasce il suo interesse per gli Esport, passione che lo ha portato prima a competere in due academy come giocatore e poi qui su queste pagine.