Ma Diavolo, un altro aspetto per Lux?

2278

Tra gli aspetti del Lunar Revel di quest’anno è stato spoilerato un aspetto che molti non hanno digerito… ma come viene scelto un determinato campione rispetto ad un altro?

Sul canale Facebook di Riot Games Germania qualche giorni fa è apparso un video che ha fatto discutere, in primo luogo per la presenza di ben sei aspetti ma anche per… andiamo con ordine. Innanzitutto, per chi non lo avesse ancora visto, ecco il video incriminato:

Per la Patch 8.2, Gragas Operazioni Artiche, che si unisce alla nutrita schiera di campioni con questo tema, Xayah e Rakan del Cuore, che ripropongono i temi di aspetti che hanno a che fare con la corsia inferiore (quanti cuori spezzati laggiù…), ma ecco gli aspetti relativi al capodanno cinese! Il 16 febbraio entreremo ufficialmente nell’anno del Cane, e infatti ecco le skin di Nasus, Warwick e… Lux?

La ragazza più popolare?

In molti hanno storto il naso, in tanti altri si sono lasciati andare a commenti un po’ più pesanti sui post condivisi dalle community, ma la domanda torna prepotentemente: Ma [inserire imprecazione preferita], un altro aspetto di Lux? Ma non si ricordano mai degli altri campioni (tipo quello che gioco io)?

Proviamo a fare chiarezza, ovviamente utilizzando i numeri e le statistiche che ci vengono forniti in questo caso da un utente Reddit, Human-Infinity, che ha creato un importante documento che raggruppa tutti gli aspetti mai creati da Riot Games, introducendo delle importanti statistiche (aggiornate al momento in cui scriviamo ai duelli glaciali, scusate giocatori di Jax!) che ci permettono di rispondere efficacemente ad alcune domande relative agli aspetti.

L’indice AxA

Vi aspettate qualche nome in particolare? Una donna volpe, magari? Un amabile batuffolo di pelo che diventa un ancor più amabile (e grande) ammasso di pelliccia? La nostra cara maga della luce che dà il titolo al nostro articolo? Per comprendere chi ha beneficiato di più dell’amorevole sguardo di Riot Games possiamo definire la media di Aspetti per Anno (AxA), una metrica semplice, che ci dice quanti aspetti ha ottenuto mediamente in ogni anno ogni campione dal suo rilascio. In questo modo, possiamo ricavare dai dati una classifica dei migliori e peggiori (in termini di aspetti, eh!)

Ed ecco i nostri “Migliori”!
Forse non ve lo aspettavate, ma Jhin dal suo rilascio ha già ottenuto più di due aspetti all’anno! Certo, l’aspetto SKT dei campioni del mondo ha certamente influito, ma è lui il vero Re degli aspetti! L’unica “Ragazza Popolare” presente nelle prime cinque posizioni è Miss Fortune; Sarah è nella classifica per un merito particolare, sul quale ritorneremo più avanti. 
Se ve lo state chiedendo Ahri è poco distante, in sesta posizione per la precisione, con un indice AxA di 1,32 come Kog’Maw. Viene inserito successivamente per il rilascio dell’aspetto Hextech della nostra amata Bocca dell’Abisso. Lux è molto più in basso: posizione 59 con un AxA di 0,97: non siate troppo crudeli con lei!

Ed ecco i Peggiori!
A fare da padrone sono due campioni poco considerati forse, dei quali il primo è stato da poco trasferito di residenza. Sebbene vi siano due Ex Aequo, Urgot supera di gran lunga tutti gli altri campioni, per un fattore che vedremo tra poco, mentre per lo stesso motivo Yorick viene posto sotto alla nostra succube preferita. Quando trovate un campione con un aspetto per uno di questi campioni, tributategli una Emote, e non siate cattivi con loro. Portano una bandiera molto pesante!

In linea teorica, Riot Games seleziona i campioni a cui tributare un gran flusso di aspetti (un indice AxA alto, insomma) a quei campioni che risultano molto popolari nella sua community. Se osservate i dati presentati, tra i Migliori vi sono alcuni dei pick più utilizzati nella stagione competitiva!

Giorni di attesa

Se l’indice AxA è un primo indicatore importante, possiamo anche utilizzare dei numeri grezzi (quindi senza eseguire alcuna operazione su di essi) per poter osservare un altro importante dato relativo agli aspetti: va bene l’Indice AxA, ma vogliamo anche capire da quanto tempo stiamo attendendo un aspetto per il nostro campione preferito! Per questo motivo ci viene in aiuto il dato GdA (mi piacciono molto gli acronimi!), il dato che indica i Giorni di Attesa dall’ultimo aspetto rilasciato per un dato campione. Se il vostro campione non appare in questa classifica, rallegratevi: vuol dire che avete da poco (relativamente) ottenuto un fiammante aspetto per quel campione, e potete sfoggiarlo sulla Landa degli Evocatori!

E il Campione è… L’orgoglio del Carnef…Il Dreadnought!
Non fatevi ingannare dall’ottimo aggiornamento eseguito qualche mese fa, Urgot non riceve un nuovo aspetto da più di duemila giorni! Non perdete tempo col calcolo: sono quasi sei anni! Dato il recente aggiornamento, è molto probabile vi sarà un aspetto in arrivo per lui; sempre secondo le parole dirette da parte di Riot Games, l’aggiornamento campioni è un ottimo incentivo alla progettazione di nuovi aspetti, o non sarebbero mai stati lanciati Mecha Zero Sion o Poppy Guardiana Stellare

L’ultimo aspetto di Heimerdinger è infatti Heimerdinger Nucleare, rilasciato poco dopo l’aggiornamento campioni, e il precedente campione in testa a questa classifica, Yorick, è assente grazie al rilascio dell’aspetto Yorick della Luce, uscito qualche mese dopo l’aggiornamento campione (prima era solidamente al podio, con un AxA di 0,32). Restiamo in attesa di vedere quale aspetto verrà rilasciato per Urgot, anche se abbiamo già avuto numerosi spoiler, e sappiamo tutti quale aspetto attendiamo con ansia
Può sembrare strano, ma la voce della community viene presa in grande considerazione quando si progetta un aspetto: esempi come Fiddlestick Festa a Sopresa, o Patheon Panettiere, sono nati dietro richieste continue e fanbase solide, che hanno nel tempo sostenuto idee a dir poco… bizzarre. Quando riguarderete questo articolo nel 2025, all’uscita di Star Guardian Urgot, pensatemi. 

Una moltitudine di aspetti

Infine, vediamo assieme chi ha davvero più aspetti di tutti. Da un certo punto di vista è il caso di dire che “piove sempre sul bagnato“: un campione con molti aspetti permette una personalizzazione del proprio stile di gioco (si parla solo di aspetto grafico, ma resta una personalizzazione), e in questo modo le persone lo giocheranno più volentieri, aumentando così la percentuale di gioco di quel determinato campione, e assicurandogli più aspetti durante l’anno. Inoltre gli aspetti da qualche tempo vengono raggruppati in diversi “Temi”: le Progetto, le Super Galaxy, le Star Guardian… potremmo andare avanti all’infinito, ma generalmente considerate che molti campioni presenti nella lista che segue hanno una propria versione di un Tema, che in questo modo può contare su campioni molto giocati per quel tema specifico.

E il vincitore è… Annie!
Questa simpatica piccola piromane ha un AxA di tutto rispetto (1,24), e si difende molto bene dal punto di vista del numero di aspetti dedicati, anzi: possiamo affermare che, a parte il Tier minimo (390RP) e massimo (3250RP) degli aspetti, Annie ha almeno un aspetto che la rappresenta in ogni categoria di aspetto, anche quelle esclusive delle Creazioni Hextech, di cui è stata pioniera. I campioni presenti in questa lista sono coloro che hanno più aspetti di tutti, e ancora una volta non si vede nessuna “Ragazza Popolare“, eccezion fatta per Miss Fortune, che ci eravamo detti l’avremmo ritrovata. Effettivamente, sia Ahri (8) che Lux (7) sono molto più indietro rispetto a molti altri campioni!

Nessun epiteto colorito!

Come potete vedere, vi sono delle discrepanze sulla percezione che la community ha delle decisioni di Riot Games e il rilascio effettivo degli aspetti. La prossima volta che vedete un aspetto rilasciato per un campione che ritenete abbia sempre e solo lui gli aspetti, fermatevi un istante ad osservare il foglio elettronico di Human-Infinity: potreste risultare sorpresi!

Giocatore di League of Legends dalla Season 3, si interessa da subito alla architettura sulla quale poggia il concetto stesso di "Gioco". Numeri, statistiche e performance sono gli strumenti che vuole utilizzare per raccontare al grande pubblico come funzionano i giochi che li appassiona.