EU LCS: Ones to Watch

201

Le EU LCS sono ai nastri di partenza per la stagione 2018, andiamo quindi a vedere quali potranno essere i giocatori che potranno sorprenderci nello Spring Split

In questo articolo non andremo a parlare di giocatori che abbiamo già visto risplendere e mostrare tutto il loro potenziale come ad esempio Rekkles o Perkz, ma di coloro che potrebbero affermarsi ad altissimi livelli a seguito in questo split, le stelle nascenti del panorama europeo.

Chiaramente i giocatori che verranno citati non sono gli unici possibili “fenomeni” per la prossima stagione, soprattutto visto il grande stravolgimento che hanno vissuto le EU LCS con la partenza di grandi campioni del calibro di Zven, Mithy o Ignar ha visto diverse new entry affacciarsi alla massima competizione europea.

Nuovi arrivati certamente non meno talentuosi dei partenti, andiamo quindi a presentarvi alcuni di loro.

Jiizukè e Minitroupax – Vitality

Nuovi arrivati in casa Vitality, i due si sono rivelati dei carry fenomenali all’interno dei Giants coronando la loro esperienza in Spagna con la promozione alle LCS.

Per quanto riguarda Daniele “Jiizukè” Di Mauro ormai tutti abbiamo imparato a conoscerlo.
Il talento italiano inizia la sua ascesa a livello europeo con i Forge ottenendo la qualificazione per le CS nel Summer Split 2016, slot che non riescono a mantenere per lo split successivo.
Passa poi ai Giants con i quali riesce ad ottenere il passaggio alle LCS nell’ultima edizione delle Challenger Series.

Amadeu “Minitroupax” Carvalho inizia la sua carriera nei team portoghesi, per poi approdare anche lui nei Giants dove incontra lo stesso Jiizukè e sarà il primo portoghese a giocare nel massimo campionato europeo.

Questi due talenti hanno dimostrato nell’ultimo split di essere dei carry di altissimo livello guidando i Giants alla vittoria delle Challenger Series.
Ora si trovano davanti ad una nuova importantissima sfida, avranno il pesante compito di portare i Vitality verso la vetta delle EU LCS, dalla loro hanno un grandissimo talento, ma una scarsa esperienza.

Sono al punto di svolta della loro carriera esportiva, sta a loro dimostrare di poter essere le nuove superstar europee.

Wadid – G2 Esport

Kim “Wadid” Bae-in, dopo alcune esperienze nella serie minore coreana, approda in Europa ai Roccat.

Qui si dimostra un ottimo playmaker support, in grado di brillare con champ come Thresh o Rakan, guidando il suo team ad un’ottima seconda fase di Summer Split alla salvezza e ottenendo importanti vittorie su team di maggiore blasone come G2 e Misfits.

Nel 2018 da lui ci si aspetta la consacrazione, passato ad un team di vertice come i G2 non dovrà far rimpiangere la partenza di Mithy.
Sebbene il suo arrivo sia stato accolto in maniera agrodolce dalla community, che non gli ha risparmiato critiche, Wadid è uno dei pochi support a poter cambiare volto ad una squadra, riuscendo ad essere decisivo all’interno delle partite.

Il team costruito dai G2 nella fase di mercato è ottimo per risaltare le sue abilità nel gioco aggressivo e gli potrà permettere di brillare al massimo del suo potenziale, potendo .

Caedrel – H2K

Marc “Caedrel” Robert Lamont è già da un paio di anni nel giro del competitive con esperienze nelle LCS europee, nelle Challenger Series e nelle leghe minori.
Nell’ultimo split lo abbiamo visto con gli Schalke 04 fronteggiare i Giants nelle EU CS ottenendo insieme a loro il pass per le LCS.

Nella fase di mercato è passato agli H2K, compagine stabilmente protagonista nel panorama europeo che ha rivoluzionato il proprio roster.
A lui vengono affidate le chiavi della corsia centrale ed il compito di essere (insieme a Sheriff) il carry del team.

Già lo scorso anno si è reso protagonista di grandi giocate ed è risultato essere la pietra miliare del team tedesco fornendo delle prestazioni sempre ad altissimo livello.
Per il 2018 molto ci si aspetta da lui che deve fare il definitivo passo in avanti in una competizione di altissimo livello, le qualità meccaniche non sembrano mancargli, ma deve fare il definitivo step up a livello mentale.

Nisqy – Splyce

Il 19enne belga Yasin “Nisqy” Dinçer torna in Europa dopo l’esperienza nel campionato nordamericano con gli EnVyUs, dove insieme a LiRa ha guidato il team fino ai playoff.

Ora si trova negli Splyce che vogliono tornare ai vertici della classifica europea dopo un 2017 un po’ deludente con la mancata qualificazione ai mondiali e gli sarà richiesto il salto di qualità necessario per passare da un team di medio-bassa classifica ad un team che punta a vincere.

Nisqy ha dalla sua una predilezione per il playstyle aggressivo che riesce ad esprimere al meglio con il pick di Syndra, che attualmente non gode dei maggiori favori del meta.
Da lui vedremo un probabile miglioramento dal lato champion pool dove dovrà adattarsi per risultare decisivo per portare gli Splyce alla vittoria.

Upset – Schalke 04

Elias “Upset” Lipp è l’unico superstite negli Schalke 04 del team che ha ottenuto lo slot alle LCS battendo i Ninja in Pyjamas.
Ad affiancarlo per lo Spring Split 2018 sono arrivati giocatori di grande esperienza come Vander e Vizicsacsi.

La compagine tedesca vuole subito lottare per la prima posizione ed ha deciso di puntare con forza sul giovane Upset, una grande responsabilità per lui.
Il ragazzo deve dimostrare di poter essere decisivo anche sotto pressione, ma soprattutto di poter performare ad alti livelli senza cali di prestazione sia nel lungo periodo che all’interno del singolo game.

Le carte in regola per un futuro rigoglioso e di successo ci sono sia per Upset che per gli Schalke 04 sta a loro ora far fruttare al meglio il loro talento.

 

Amante dei videogiochi e di strategia, giocatore di LoL da diverse season, nell'ultimo anno ha preso parte in maniera attiva come newser, coach ed analyst.