Exeed è il nuovo nome della scena Esports

137

Il Team Prophecy eSports separa la sezione Esports con un rebranding totale

Roma, 19 gennaio 2018 – Il 2017 è stato per il progetto Prophecy l’anno della presentazione al grande pubblico. Una nuova realtà che ha iniziato ad affermarsi su più binari paralleli. Un anno di successi e di soddisfazioni in entrambe le sezioni che ci ha spinto ad accelerare i nostri piani. Quando a fine 2016 nacque il progetto Prophecy era già in programma una futura separazione fra le sezioni. Oggi, visti i risultati raggiunti, annunciamo una decisione importante per il nostro futuro: il rebranding totale della sezione Esports. Non troverete più la scritta Prophecy ma sarà un nuovo nome a raccontare le nostre avventure nel mondo competitivo: Exeed.

Federico Brambilla, owner di Prophecy e responsabile Esports di Exeed, spiega nel dettaglio la decisione: “A livello sostanziale non cambia quasi nulla rispetto al 2017. Come realtà Esports avevamo però l’esigenza di creare una sezione professionistica che avesse una propria identità e che ci permettesse di ampliare il nostro staff. Per questo motivo abbiamo deciso di rivoluzionare il 2018 con la nascita di Exeed: il progetto manterrà la sua identità continuando a orientarsi prevalentemente su titoli single player e comprenderà anche l’apertura di nuovi titoli, senza esimerci dal considerare l’apertura di titoli per team; siamo già al lavoro sui numerosi eventi che ci vedranno impegnati fin da Gennaio come il DreamHack Lipsia arrivando alle finali WESG in CINA e passando per i due IEM in Corea e Polonia. Siamo entusiasti e fiduciosi per il 2018 ma anche ben consci che avremo molto lavoro da fare. Tuttavia il nome Prophecy non morirà perché continuerà ad affiancare la sezione Tech.”

Per rimanere aggiornati su tutte le novità del team è possibile collegarsi ai seguenti indirizzi:

 

Entrato nel mondo dell'eSport con la S maiuscola un po' per caso, si ritrova a dirigere una fantastica redazione e una community tanto grande quanto meravigliosa. Ora è il caporedattore, ma nel "tempo libero" studia ingegneria elettronica al PoliMI.